Idropulsori, vantaggi e svantaggi

Per ottenere una perfetta igiene orale non basta più lo spazzolino o il filo interdentale. Ora c’è l’idropulsore, uno strumento innovativo che arriva dall’ambulatorio del dentista dove è già usato da tempo per igienizzare la bocca con un potente getto idrico e da poco è entrato nelle case ad uso domestico. Ma quali sono i pro e i contro di questo importante integratore di pulizia dentale? Va premesso che l’integratore non manda in pensione lo spazzolino da denti, che continua ad avere un ruolo determinante nell’igiene orale, ma interviene a completare l’opera di igienizzazione, trovandosi sul mercato anche nella variante con spazzolino incorporato.

I vantaggi di un idropulsore non si contano, vediamo meglio quali:

          Spazza via i residui di cibo dagli interstizi dei denti

          Raggiunge zone della bocca dove lo spazzolino tradizionale non arriva

          Dichiara guerra alla placca

          Rispetta le gengive anche grazie a una particolare funzionalità massaggiante ‘anti-sanguinamento’

          E’ facile da usare

          E’ maneggevole e, volendo, anche portatile se alimentato a batteria

          Sostituisce, efficacemente, il filo interdentale

          Può essere usato dai bambini e anche da chi monta apparecchi ortodontici.

Come si può vedere, è illimitata la gamma di vantaggi di un idropulsore, disponibile sul mercato in numerose versioni a prezzi contenuti.

Ma vediamo insieme anche gli svantaggi, se ve ne sono:

          L’ingombro. Anche se non è una caratteristica generalizzata, esistendo anche idropulsori compatti, portatili e ‘smart’, la maggior parte richiede spazio in bagno, soprattutto gli apparecchi da fissare al muro che possono rappresentare un inconveniente in caso di vani particolarmente piccoli.

          La scarsa resistenza del tubo flessibile, un problema diffuso soprattutto in alcuni idropulsori in cui il tubo flessibile tende a guastarsi in quanto fragile, in tal caso potrebbe essere problematico trovare il pezzo di ricambio anche rivolgendosi alla casa madre.

          Il prezzo, che sebbene sia contenuto, in alcuni modelli sale sopra i 100 euro. Va, però, considerato che si tratta di un investimento che si ripaga nel tempo.

In ogni caso per avere un’idea più precisa sui costi si può leggere il seguente articolo sui prezzi degli idropulsori presenti sul mercato.